It2019-02-11T10:18:44+00:00

It

The Lamb Lies Down On Broadway

1974

Genesis

Composta da: Peter Gabriel, Tony Banks, Steve Hackett, Mike Rutherford, Phil Collins

(Il testo di questa canzone è inserita in questo sito solo come citazione per la traduzione e per cercare di spiegarne il significato.
É una divulgazione culturale per gli amanti della musica e per chi è curioso: non ci sono fini economici e tutti i diritti sul testo sono riservati agli autori.)

It

When it’s cold, it comes slow
It is warm, just watch it grow
All around me it is here
It is now.

Just a little bit of it can bring you up or down.
Like the supper it is cooking in your hometown
It is chicken, it is eggs
It is in between your legs
It is walking on the moon
Leaving your cocoon.

It is the jigsaw. it is purple haze
It never stays in one place, but it’s not a passing phase
It is in the singles bar, in the distance of the face
It is in between the cages, it is always in a space
It is here. It is now

Any rock can be made to roll
If you enough of it to pay the toll
It has no home in words or gold
Not even in your favourite hole
It is hope for the dope
It rides your horse without a hoof
It is shaken not stirred
Cocktails on the roof

When you eat right thru’ it you see everything alive
It is inside the spirit, with enough grit to survive
If you think that it’s pretentious, you’ve been taken for a ride
Look across the mirror sonny, before you choose, decide
It is here. It is now
It is Real. It is Rael

‘Cos it’s only knock and knowall, but I like it
Yes it’s only knock and knowall, but I like is
Yes it’s only knock and knowall, but I like it like it…

Esso

Quando fa freddo, arriva lentamente
É caldo, guardalo aumentare
Tutto attorno a me è qui
È adesso.

Solo un po’ di questo può portarti su o giù
Come la cena che sta cucinando nella tua città natale
È pollo, sono uova
È tra le tue gambe
È camminare sulla luna
Lasciando il tuo bozzolo

È l’enigma, è la foschia viola
Non sta mai in un posto, ma non è una fase di passaggio
È nelle singole sbarre, nelle facce in lontananza
È in mezzo alle gabbie, è sempre in un luogo
È qui. È ora

Ogni roccia può essere fatta rotolare
Se ne hai abbastanza da pagare il conto
Non ha dimora a parole o oro
Neppure nel tuo buco preferito
È speranza per il drogato
Cavalca il tuo cavallo senza uno zoccolo
È scosso, non mescolato
Cocktail sul tetto

Quando ci mangi attraverso vedi tutti vivi
È dentro lo spirito, con abbastanza coraggio da sopravvivere
Se pensi che sia pretenzioso, sei stato preso per una cavalcata
Guarda attraverso lo specchio figliolo, prima di scegliere, decidi
È qui. È ora
È reale. È Rael

Perché è solo bussare e sapere tutto, ma mi piace
Sì è solo bussare e sapere tutto, ma mi piace
Si è solo bussare e sapere tutto, ma mi piace mi piace mi piace…

Significato di It

La conclusione perfetta per una storia fantastica, e il pezzo più ambiguo di The Lamb Lies Down On Broadway.

Rael guarda John dritto negli occhi, è ipnotizzato dalla persona che lui crede sia John e che il cui volto somiglia sempre di più al suo; il viso della persona in cui guarda continua a cambiare, e cambia, e cambia fino a diventare il suo stesso volto.

A un tratto è dentro il suo corpo e dentro il corpo di “John” (che è solo un’altra versione di Rael), la sua presenza non è più solida, anzi, non è più solo solida.

I due corpi sono liquidi, fluidi e assieme si mescolano per formare una nebbia viola che è dapperttutto.

Se è freddo arriva piano, se è caldo cresce, è tutto attorno, è qui, è adesso

(“When it’s cold, it comes slow
It is warm, just watch it grow
– all around me it is here.
It is now.”)

Nella sua nuova “forma” inconsistente ma onnipresente, Rael con ironia riesce a vedere che il suo organo sessuale è “un pollo, sono uova, è tra le tue gambe”.

“è camminare sulla luna, lasciando il tuo bozzolo” è un collegamento a lasciare il proprio nido accogliente per fare altre esperienze lontano da casa (visto come camminare sulla luna).

Rael è diventato un’entità indefinita, spettatore degli eventi senza poter intervenire ma anche parte di ogni singola cosa. Nella copertina di The Lamb, è l’immagine di Rael al di fuori delle tre immagini, con le braccia sui fianchi intento a osservare le prime due immagini. La stessa forma è stata ritagliata nella terza immagine della front cover, a riprova che Rael si è staccato dal suo stesso corpo ed “è qui, è ora” (it is here, it is now)

Non è mai in un posto, non è mai una fase di passaggio, è nelle singole sbarre (la gabbia), nelle facce in lontananza (John che si allontana), è sempre in un luogo.

Ogni pietra può essere fatta rotolare se ne hai abbastanza (denaro) da pagare il conto” può significare che “ogni problema può essere affrontato se hai risorse, coraggio e forza di farlo”

Il finale di The Lamb Lies Down On Broadway, come spiegato anche da Peter Gabriel, incoraggia ogni ascoltatore a trovare il suo significato.

c’è un incitamento a guardarci e a fare della vita quello che vogliamo, prima di scegliere occorre decidere chi vogliamo essere.

“Look across the mirror sonny, before you choose, decide”

L’ultimissima frase

” ‘Cos it’s only knock and knowall, but I like it
Yes it’s only knock and knowall, but I like is
Yes it’s only knock and knowall, but I like it like it…”

è un tributo ai Rolling Stones e la loro “It’s Only Rock And Roll But I Like It”, come anche le parole “Any rock can be made to roll If you enough of it to pay the toll

L’ultimissima frase può essere vista come “è solo bussare e sapere tutto, ma mi piace” può essere vista come “Bussa e ti sarà aperto”, cioè se vuoi sapere qualcosa, basta chiedere. Trova il tuo significato a quest’album e saprai tutto ciò che ti serve per ascoltarlo.

In The Rapids

LEGENDARY COVER

Dedicato alla musica. Le migliori copertine di dischi per una raccolta di vinili da collezione.