9th And Hennepin2019-03-22T15:47:43+00:00

Testo, Traduzione e Significato di
9th & Hennepin

Rain Dogs

1985

Tom Waits

Composta da: Tom Waits

(Il testo di questa canzone è inserito in questo sito solo come citazione per la traduzione e per cercare di spiegarne il significato.
É una divulgazione culturale per gli amanti della musica e per chi è curioso: non ci sono fini economici e tutti i diritti sul testo sono riservati agli autori.)

9th & Hennepin

Well it’s 9th and Hennepin
And all the donuts have
Names that sound like prostitutes
And the moon’s teeth marks are
On the sky like a tarp thrown over all this
And the broken umbrellas like
Dead birds and the steam
Comes out of the grill like
The whole goddamned town is ready to blow
And the bricks are all scarred with jailhouse tattoos
And everyone is behaving like dogs
And the horses are coming down Violin Road
And Dutch is dead on his feet
And the rooms all smell like diesel
And you take on the
Dreams of the ones who have slept here
And I’m lost in the window
I hide on the stairway
I hang in the curtain
I sleep in your hat
And no one brings anything
Small into a bar around here
They all started out with bad directions
And the girl behind the counter has a tattooed tear
One for every year he’s away she said
Such a crumbling beauty, but there’s
Well, nothing wrong with her that
$100 won’t fix
She has that razor sadness
That only gets worse
With the clang and the thunder
Of the Southern Pacific going by
As the clock ticks out like a dripping faucet
Till you’re full of rag water and bitters and blue ruin
And you spill out
Over the side to anyone who’ll listen
And I’ve seen it
All through the yellow windows
Of the evening train

La Nona e Hennepin

Insomma è la Nona Strada & Hennepin
E tutti i negozi di ciambelle hanno
Nomi che sembrano prostitute
E i segni dei denti della luna sono
Nel cielo come un telo gettato sopra
E gli ombrelli rotti come
Uccelli morti e il vapore
Viene fuori dalla griglia come
Se tutta questa cazzo di città fosse pronta a esplodere
E i mattoni sono sfregiati con tatuaggi da carcerati
E tutti si comportano come cani
E i cavalli stanno scendendo giù per Violin Road
E l’Olandese è morto ai suoi piedi
E tutte le camere odorano di gasolio
E tu continui i sogni di quelli che hanno dormito qui
E io sono perso nella finestra
Mi nascondo sulle scale
Mi appendo alle tende
Dormo nel tuo cappello
E nessuno porta qualcosa
Di piccolo in un bar da queste parti
Cominciano tutti con direzioni sbagliate
E la ragazza dietro il bancone ha una lacrima tatuata
Una per ogni anno che lui è via lei dice
È così una bellezza sbriciolata, ma non c’è
Beh, non c’è niente di sbagliato in lei
Cento dollari non sistemeranno nulla
Lei ha quella tristezza tagliente
Che peggiora solamente
Con il fragore e il tuono
Dell’Oceano Pacifico del Sud che passa
Come il ticchettio dell’orologio sembra un rubinetto che gocciola
Fino a quando non sei pieno di liquore* e amarezze e gin*
E lo spargi
A lato di chiunque ascolterà
E ho visto tutto questo dai gialli finestrini
Del treno della sera.

Significato di 9th & Hennepin

In 9th & Hennepin, Tom Waits parla di una parte buia e tetra di New York, dove “9th” è sicuramente la Nona Strada e Hennepin non lo so onestamente.

Tom Waits compone Rain Dogs in un seminterrato di un vicolo della Grande Mela, poco distante dal fiume Hudson. 

Un posto sporco, umido e scomodo, scelto per un motivo di coerenza: nell’album racconta storie di persone che hanno perso la via, i “cani della pioggia”, che hanno perso l’orientamento perché la pioggia ha cancellato ogni odore, e dunque come fare a parlare di questa povera gente se non provando a vivere come loro?

Tom allora passa qualche mese nelle stesse condizioni dei senzatetto ed emarginati sociali, perché l’album uscisse autentico e sincero.

Collocata in tracklist verso metà album, 9th & Hennepin è una pausa dalla storie “normali” di Rain Dogs, in cui Tom sembra raccontare, invece, ciò che vede da quello scantinato. O comunque vive in quel periodo.

Tra il suono della pioggia e un’orchestra di rumori di strada, che danno un vago senso d’inquietudine a tutto il brano, le visioni di Tom iniziano dalla città: il telo gettato sopra la luna è uno strato di nuvole che fa intravedere dei pezzi del nostro satellite, come tanti denti; gli ombrelli per terra hanno forma di uccelli morti e il tipico vapore dei tombini di New York sembrano il fumo prima di un’esplosione.

Le immagini proseguono con i graffiti nei muri (jailhouse tattoos) e le persone che “si comportano come cani”, cioè vagano per le vie senza meta, magari guardandosi in giro, scoccando occhiate impaurite e diffidenti se incontrano qualcuno e proseguendo rapidi per la propria strada.

Nelle stanze l’odore nauseante di gasolio (magari anche in quella dove si trovava lui), stanze in cui si sente ancora la presenza dei vecchi inquilini, al punto che, quando ti addormenti, potresti continuare i loro sogni (“And you take on the dreams of the ones who have slept here”).

C’è uno schianto di cameriera che soffre per un amore perduto e lo ricorda con i tatuaggi (“And the girl behind the counter has a tattooed tear, one for every year he’s away she said” ), e nonostante sia triste qualsiasi cosa sia rotto in lei si può riparare con 100 dollari (“Such a crumbling beauty, but there’s, well, nothing wrong with her that $100 won’t fix”), riferendosi a un’avance sessuale.

E poi il rombo del tuono e quello dell’oceano (non è chiaro il riferimento all’Oceano Pacifico del Sud, ma Tom Waits dirà, in un’intervista del 1985, che lo scantinato dove si trovava per la scrittura dell’album si allagava continuamente per vicinanza dell’Hudson, dunque potrebbe essere il fiume a provocare quel “fragore”), un orologio che scandisce i secondi come un rubinetto che perde e infine, ovviamente, l’alcol in cui Tom affoga la sua amarezza e depressione, e le racconta “over the side to anyone who’ll listen”

Questo pezzo, emozionante e sconvolgente al tempo stesso, termina con “And I’ve seen it all through the yellow windows of the evening train”

Ma, come detto, può darsi siano le visioni di Tom dal desolante posticino sotterraneo dove stava componendo Rain Dogs.

Midtown

Gun Street Girl

LEGENDARY COVER

Dedicato alla musica. Le migliori copertine di dischi per una raccolta di vinili da collezione.